Per i massoni «non ci sono alternative all’ecumenismo»

kochTrovo sull’Osservatore Romano questo articolo dal titolo «Non ci sono alternative all’ecumenismo», datato 21 novembre 2014, scritto dal cardinale e arcivescovo cattolico svizzero Kurt Koch (http://www.osservatoreromano.va/it/news/non-ce-alternativa-allecumenismo). Faccio una breve ricerca su Google immagini, e trovo il cardinale Kurt Koch in questa eloquente posa massonica in una foto ufficiale. Fratelli, lo vedete si o no? Lo capite sì o no? Sono i massoni che stanno spingendo più di tutti sia all’interno della Chiesa Cattolica Romana che all’interno delle Chiese Evangeliche, a fare ecumenismo. Non importa come questo ecumenismo venga da loro chiamato, sempre di ecumenismo si tratta. Ecco dunque l’ennesima prova che l’ecumenismo è voluto dai massoni. Chi ha orecchi da udire, oda. Giacinto Butindaro———————-
Non ci sono alternative all’ecumenismo • A cinquant’anni dalla «Unitatis redintegratio» •

21 novembre 2014

Nel ricordare i cinquant’anni trascorsi dalla promulgazione del Decreto sull’ecumenismo, dobbiamo prendere atto del fatto che la geografia mondiale della cristianità si è profondamente trasformata e la situazione ecumenica è diventata molto più indecifrabile nel suo insieme e sicuramente non più semplice di prima.
Dobbiamo anche riconoscere con onestà che l’obiettivo del movimento ecumenico, ovvero il ristabilimento dell’unità della Chiesa, non è stato raggiunto e richiederà evidentemente molto più tempo di quanto si era immaginato all’epoca del concilio.
Questo pesante cambiamento non deve però essere un motivo di rassegnazione. Infatti, non esiste assolutamente alternativa all’ecumenismo: esso corrisponde alla volontà del Signore e alla sua preghiera sacerdotale per l’unità ed è essenziale per la credibilità della fede cristiana nel mondo di oggi. La rinnovata lettura del Decreto sull’ecumenismo è pertanto una proficua occasione per ridare vita alle sue convinzioni fondamentali e per promuovere ulteriormente il lavoro ecumenico, proprio grazie a quella presenza dello Spirito, di cui era convinto il concilio. Di fatti, se il concilio ha visto all’opera lo Spirito santo nel movimento ecumenico, noi daremmo prova di poca fede se non ci fidassimo di questo Spirito e se non credessimo che esso porterà a compimento, nei modi e nei tempi in cui vorrà, ciò che ha iniziato in maniera così promettente.
di Kurt Koch

Leggi: L’ecumenismo è nato nelle logge massoniche

Questa voce è stata pubblicata in Chiesa Cattolica Romana, Ecumenismo, Jorge Mario Bergoglio - Francesco I, Kurt Koch e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...