Corto Maltese e il massone Pratt

Riprendo questo articolo su Corto Maltese, che è un personaggio dei fumetti creato dal massone Hugo Pratt nel 1967 e protagonista dell’omonima serie a fumetti ‘Cortomaltese’, nella speranza che vi faccia riflettere su come la Massoneria cerca di diffondere la sua filosofia in ogni campo.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

corto-maltese

Corto Maltese e il massone Pratt – Una mostra a Parigi cerca di ricostruire, attraverso le scene di Corto Maltese, l’esoterismo e l’affiliazione alla massoneria del suo creatore

Le opere di Hugo Pratt sono ricche di riferimenti alla letteratura, all’arte, alla storia, ai film e alla massoneria. Lo scopo di questa mostra eccezionale è quello di fornire al pubblico una nuova chiave di lettura di questo creatore, in grado di decodificare e comprendere meglio questo misterioso mondo denso di significati: la Franc-Maçonnerie.

Il nostro caro Hugo Pratt era massone e inevitabilmente questo tipo di “impegno” rischia di avere ripercussioni sul giudizio della sua opera; questa mostra riesce ad analizzare questo grande artista in tutto il suo splendore, offrendo un quadro completo di questa figura poliedrica di ampi e diversi interessi culturali: grande viaggiatore, eccellente musicista, fantastico giocoliere, meraviglioso cantastorie…e tanto altro ancora.

E anche il suo più grande personaggio, Corto Maltese, con questa mostra, diventa Manifesto della massoneria e rivela i meandri nascosti di questo mondo.

Il nostro amato marinaio, avventuriero che combatteva per mari e per monti, leggendario nei suoi incontri storici e non, che sfidava le sorti del mondo saltando da treni blindati a biplani, diventa simbolo di questo ordine iniziatico che ha per scopo il “perfezionamento dell’umanità”. Un uomo in perenne inseguimento di un miraggio di ricchezza e alla continua ricerca di leggende antiche e pergamene indecifrabili. E proprio nel fumetto di Hugo Pratt sarebbero ben nascosti i segreti delle misteriose logge: simboli esoterici, rituali d’iniziazione, templi con pavimenti a scacchi, compassi, squadre: tutto riconduce alla massoneria.

Che Hugo Pratt, scomparso nel 1995, fosse un massone non è certo una grossa novità.

Figura emblematica tra gli artisti solo recentemente è stato avvicinato alla Massoneria. Ad un certo punto della sua vita ha rivestito un ruolo molto attivo. Hugo Pratt era membro della Gran Loggia d’Italia degli Alam, dove fu iniziato alla Loggia “Hermes” dell’Oriente di Venezia il 19 novembre 1976.

Il creatore di ‘Corto Maltese’ incarna in tutti i sensi l’ideale dell’artista massone e dell’uomo massone, ovvero l’artigiano artista rispettato e celebrato dagli Enciclopedisti francesi, figlio della cultura razionalista che riusciva a unire alle proprie capacità manuali e prettamente tecniche il guizzo e l’intuizione metafisica propri dell’arte autentica. Ed è proprio questo legame con la figura dell’artista del Settecento illuminista, prerogativa della Massoneria, fa si che Hugo Pratt offra una sua peculiare visione dell’esoterismo attraverso i suoi disegni.

Ad esempio, in Favola di Venezia, Corto Maltese si trova casualmente in una loggia massonica in piena riunione e alla domanda «Siete anche voi un libero muratore?» risponde in maniera scherzosa che si accontenterebbe di essere un libero marinaio. Proprio in queste parole riscopriamo il ruolo di Pratt iniziato: condivide di gran lunga gli ideali esoterici massonici, anche se attraverso il suo fumetto appena citato, critica l’Istituzione nel suo essere: il massone è un personaggio in qualche modo triste perché manca d’ironia. E proprio con le sue parole «scavare oscure e profonde prigioni al vizio ed edificare templi alla virtù», mette in evidenza che quest’attività si può tranquillamente portare avanti anche con un sorriso e non per questo deve necessariamente perdere d’importanza. L’ironia è alla base di tutto per Pratt e in questo contesto diventa strumento per parlare di esoterismo.

Ma la cosa interessante è che la mostra, per la prima volta in assoluto, cerca di ricostruire attraverso le scene di Corto Maltese, l’esoterismo del suo creatore, ma anche la storia e la cultura dello stesso Hugo Pratt che per anni ha cercato la sua verità viaggiando e confrontandosi e interessandosi a culture diverse. E proprio dai suoi numerosi viaggi in giro per il mondo è venuto a conoscenza di numerose società segrete. In Corto Maltese, tra le varie avventure descritte, vengono menzionati i ninja giapponesi, i riti voodoo, le triadi cinesi, gli zingari, la cabala ebraica e varie sette appartenenti al mondo islamico e africano, o addirittura all’ America latina e ancora società dedicate al Santo Graal: tutte riconducono a un mondo esoterico misterioso svelando un profumo segreto.

La mostra presenta quaranta opere originali di Hugo Pratt (acquerelli, tavole), la maggior parte delle quali non ha mai visto la luce fuori dalle pagine dei fumetti e per la prima volta esposte agli occhi del grande pubblico. Ma troviamo numerosi documenti massonici che illustrano in qualche modo l’interesse da parte di Hugo Pratt pe questo mondo segreto e per l’iniziazione. Possiamo scorgere nelle sale il grembiule di Hugo Pratt o una spada massonica rubata da suo padre nel saccheggio delle case da parte della milizia fascista negli anni ’20.

Pratt, attraverso la figura di Corto Maltese, ha svelato la sua vocazione esoterica. E come il suo personaggio preferito, è alla continua ricerca di tracce lasciate dai grandi iniziati nel mondo. Quindi reale e irreale, fantasia e vita si mescolano in maniera armonica. E con questa mostra riscopriamo un avventuriero Corto Maltese e un misterioso Hugo Pratt nei panni del grande ricercatore della verità e del mistero.

Fonte: http://www.lindro.it/cultura/2012-02-23/7014-corto-maltese-e-il-massone-pratt

Leggete il mio libro ‘La Massoneria Smascherata’

Tratto da:http://giacintobutindaro.org/2013/05/20/corto-maltese-e-il-massone-pratt/

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Massoneria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...